Skip to main content
Loading...

PARTNER DI PROGETTO

Comune di Fluminimaggiore
Facoltà di Architettura di Cagliari
Città della terra cruda

SITO WEB

CONTATTI

info@happyvillagesardegna.it

VIDEO
Progetto terra cruda

Progetto: Happy village


L’idea progettuale nasce da un'idea del Comune di Fluminimaggiore per cercare di risollevare le condizioni economiche e sociali di Fluminimaggiore, ancora troppo legato alla crisi economico-mineraria, ma con un grande potenziale turistico residenziale.
L’idea si fonda sulla realizzazione di una residenza diffusa a misura d’anziano, un nuovo concetto di casa riposo che vede sfruttare le centinaia di abitazioni abbandonate e in forte stato di degrado situate all’interno del centro urbano.
La proposta di residenza è rivolta ad anziani over 65 provenienti dal nord Italia e dal Nord Europa in cerca di luoghi con clima prevalentemente mite con una buona qualità della vita e con un guadagno per quanto riguarda il costo della vita.
L’offerta di residenza è rappresentato da un pacchetto all inclusive, che comprende oltre alla residenza servizi specialistici e personalizzati come assistenza sanitaria, mobilità e trasporti, cura della casa e della persona, cucina con prodotti locali, attività ludico ricreative e formative.
La gestione del progetto verrà affidata ad una Cooperativa di Comunità, che si dovrà occupare dell’intero progetto dal recupero degli edifici al contratto all’assegnazione in  affitto degli alloggi compresi i servizi.
La Cooperativa di Comunità vedrà il coinvolgimento degli stessi abitanti di Fluminimaggiore, ed avrà anche il compito di realizzare interventi in campo turistico, per la valorizzazione del patrimonio culturale e naturale, produzione di energia sostenibile, servizi di trasporto e mobilità, valorizzazione delle produzioni locali.
Al momento si stanno scegliendo i primi edifici da recuperare, per il loro recupero è stata richiesta la collaborazione della Facoltà di Architettura di Cagliari allo scopo di creare un cantiere modello alla quale attenersi per il recupero corretto degli edifici, in parte edificati in pietra e terra cruda. Mentre l’Associazione Città della terra cruda supporterà l’Amministrazione comunale nell’ambito delle iniziative culturali finalizzate al riconoscimento del patrimonio storico architettonico e quindi nell’importanza di un loro recupero e valorizzazione anche quale patrimonio identitario. Oltre alla promozione di momenti di formazione rivolti ai progettisti e imprese edili per promuovere l’uso di materiali della tradizione, a partire dalla terra cruda.